Identity

Moda, arte e cultura. Sono questi gli ingredienti della Grotta dei desideri, un evento originale e ricercato

Giunta oramai alla tredicesima edizione, la Grotta dei Desideri è da tempo nota alla stampa internazionale ed è stata l’unica manifestazione regionale a ricevere la pubblicazione d’importanti reportage sulle riviste di tutto il mondo, ottenendo la messa in onda di alcuni redazionali sulle emittenti nazionali svedesi, giapponesi e degli Stati Baltici. La Grotta dei Desideri, oltre ad essere stata patrocinata più volte dalla Provincia di Cosenza, ha ottimizzato il proprio apparato organizzativo, legando la partecipazione degli stilisti ad un concorso che dà modo ai vincitori di realizzare gratuitamente un calendario ed uno shooting fotografico con l’utilizzo dei propri abiti e con la realizzazione di un video di backstage. I primi due classificati, inoltre, ricevono una borsa di studio per proseguire la propria formazione. Ma la Grotta dei Desideri non è soltanto moda. L’evento si sviluppa anche su basi culturali: personalità di spicco del mondo dell’arte e della letteratura, così come della recitazione, della danza, del giornalismo, della canzone e dell’intrattenimento prendono parte ogni anno alla kermesse. Conferma il carattere culturale ed artistico dell’evento la consegna di alcuni particolari riconoscimenti assegnati a coloro che hanno contribuito a promuovere la moda, il design e la creatività in tutte le loro forme.

La declinazione del talento per il futuro della sartorialità

Il talento. Un insieme complesso di follia e conoscenza, di istinto e ragione, di sfrontatezza e pudore. La moda è un susseguirsi perenne di questi elementi che ogni stilista declina alla sua maniera, al solo scopo di degradare verso l’eleganza ed il fascino. In questa ricerca verso la sartorialità, coniugata nella sua essenza quasi fosse prosa, non si possono non considerare i risvolti occupazionali che il lavoro della creazione e dell’ideazione è in grado di generare.

È questo il concetto che la Grotta dei Desideri insegue fin dalla “sua” prima volta, aprendo di fatto una riflessione quanto mai attuale sul significato più autentico del termine design. La solennità di un abito si interseca così con la relativa collocazione sul mercato, annullando confini geografici e mentali. Partendo da questo concetto la genialità italiana diventa emozione pura, senza condizionamenti. Libera. Anche ad Amantea: centro pulsante di idee e innovazione, rampa di lancio ideale verso l’arte che si indossa, agorà multietnico di contaminazioni che anticipano ciò che sarà, affinché il salotto sotto le stelle della città continui a brillare più luccicante che mai.

Ernesto Pastore – GDD’s art director

Il fattore umano per fare la differenza

Non è facile comprendere quali possano essere i motivi che in un lasso di tempo relativamente breve – dalla prima alla tredicesima edizione ci sono appena dodici anni – hanno consentito alla Grotta dei Desideri di divenire uno dei fashion contest più apprezzati a livello nazionale ed internazionale.

I problemi logistici ed organizzativi non mancano di certo, considerando che Amantea, seppur meta turistica molto ambita, resta una realtà urbana che non supera i 15 mila abitanti. Ma a ben vedere i motivi che hanno indotto un costante miglioramento dal punto di vista gestionale sono più semplici di quelli che si possano pensare. Un impegno continuo durante tutto l’anno ed una programmazione capillare delle cose da fare e delle sinergie da attivare sono solo il primo passo da compiere. C’è poi la necessità di circondarsi di persone valide e preparate che possano portare originalità e innovazione al prodotto. Il fattore umano è imprescindibile se si vuole “volare alto”. Non può mancare, inoltre, la collaborazione con enti ed aziende sensibili alla valorizzazione del sapere e del territorio. Infine la capacità di farcela con le proprie forze, riducendo o annullando del tutto il ricorso al finanziamento pubblico.

Academy

La Grotta dei Desideri valorizza il talento supportando la formazione dei fashion designer che vi partecipano. Per i primi due classificati sono previste due borse di studio per proseguire il percorso di apprendimento. La Grotta dei Desideri nel corso degli anni ha incentivato la competizione nel rispetto delle regole e dei ruoli.

Attualmente la manifestazione assegna una borsa di studio di duemila euro per il primo classificato e di settecento per il secondo. L’edizione 2017 prevede, inoltre, altre due borse di studio di trecento euro cadauna. Si tratta del fondo capitale più alto a livello regionale e tra i più elevati a livello nazionale. Ma non è tutto. Gli stilisti concorrono anche alla realizzazione di uno shooting fotografico con modelle e fotografi professionisti. Il materiale realizzato verrà utilizzato dai fashion designer per gli usi lavorativi che riterranno più opportuni. In questo modo essi possono presentare le proprie creazioni presso le case di moda più accreditate, mettendo in luce le proprie attitudini sartoriali e soprattutto la propria maestria.

L’anteprima

Due chiacchiere prima della serata di gala: questo rappresenta l’anteprima della grotta dei desideri

Un appuntamento che, come rivela il suo stesso nome, si tiene prima della manifestazione di punta, negli scenari più suggestivi e caratteristici di Amantea. Luoghi di estrema bellezza e di grande fascino fanno da sfondo alle chiacchiere che stilisti ed importanti personalità del mondo della cultura, dell’arte, della moda, della letteratura e dell’intrattenimento si scambiano in un’atmosfera informale e spontanea, per scoprire le sfumature delle loro esperienze e saperne di più sulle loro creazioni. Ma l’occasione è buona anche per lasciare che il pubblico pregusti ciò che lo attende durante la serata di gala vera e propria. Senza rovinare la sorpresa, naturalmente.

La serata di Gala

I desideri in una grotta

Il nome “Grotta dei Desideri” è dovuto alla location un parco che mescola storia e leggenda. Si tratta di un’antica grotta che collega la parte vecchia della città di Amantea con la zona nuova e che rievoca le antiche gesta di un passato che riaffiora nei racconti e nelle tradizioni del popolo. Utilizzata come porto mercantile dalla marineria, la grotta era quindi un luogo di scambio e di contaminazione culturale, in cui la dimensione multietnica si miscelava con i sentimenti e le emozioni dei cittadini, le attese dei ritorni con la speranza che la fortuna arrivasse dal mare. È dalla storia dunque che deriva il nome: la Grotta dei Desideri significa sogni da realizzare e tanti buoni auspici per i giovani stilisti.

La fashion dinner

L’eleganza dell’unicità

Un progetto creato ad hoc per gli hotel e i ristoranti specializzati in una clientela top, attratta dal senso estetico e dalla qualità. Lo scopo è far interagire la grandiosità della moda con il buon gusto della cucina. La Fashion Dinner è un evento che coniuga la presenza di giovani designer in ascesa nel panorama sartoriale italiano e l’arte visiva e gustativa che gli chef riescono a profondere nei piatti, declinando così in diversi modi il concetto di sensualità. In un’atmosfera da sogno, a bordo piscina o in una sala principesca, nella frescura di una notte d’estate o nel calore dell’inverno, i partecipanti alla cena di gala potranno farsi contagiare dalla magia del luogo, dalla ricercatezza degli abiti e dall’avvolgente desiderio che emanano le pietre e i metalli preziosi, degustando semplicemente il meglio. I défilé che si alternano nel corso della serata vertono su proposte eleganti e raffinate. Ma non è tutto: le signore che prendono parte alla cena ricevono uno “special – ticket” che consente loro di partecipare ad una particolare estrazione. Il biglietto estratto permette alla prescelta di scegliere uno degli abiti e di farselo realizzare “su misura”. È questa una delle tante unicità dell’evento.

La consegna delle borse di studio

Da Amantea a Cariati inseguendo il sole

Amantea sul Tirreno e Cariati sullo Ionio: due comuni che condividono lo stesso destino. Sono i primi centri (o gli ultimi a seconda delle circostanze) della provincia di Cosenza che s’incontrano entrando in territorio bruzio. Entrambi vivono di mare, terra, agricoltura ed enogastronomia, ma hanno anche un approccio alla vita che richiama quella grande bellezza che la regione Calabria esprime nei suoi panorami e che Leonida Repaci ha fissato nei suoi versi. Partendo da questo concetto gli organizzatori hanno accolto con gioia l’invito del sindaco Filomena Greco di celebrare l’atto conclusivo della Grotta dei Desideri, ovvero la consegna delle borse di studio, nel centro cariatese, nell’ambito di un evento ospitato nel palazzo comunale tra stile ed eleganza, tra il ricordo del tramonto tirrenico e l’attualità dell’alba ionica.

Il progetto GD CARE

Oltre le apparenze

La Grotta dei Desideri non è sinonimo soltanto di sartorialità, fascino e formazione, ma anche di attenzione nei confronti degli stilisti e delle modelle che prendono parte ogni anno all’evento. L’edizione 2017 segna la conferma di un percorso avviato tre anni addietro e denominato “GD Care”. Il progetto in questione prevede la presenza di un’equipe composta da un avvocato, un nutrizionista, uno psicologo, un odontoiatra ed un esperto di comunicazione e marketing che supportano gratuitamente i protagonisti dell’evento nelle varie fasi di svolgimento dello stesso. Lo scopo è offrire a coloro che lo vorranno un’opportunità unica e straordinaria per esplorare e riconoscere i propri schemi d’azione e di pensiero, aumentando il livello di consapevolezza, così da saper utilizzare al meglio le proprie risorse personali per gestirsi in modo efficace. Gli interessati potranno rapportarsi con questo straordinario gruppo di lavoro, che vuole mettere al centro dell’azione la persona e non il ruolo e che è composto da Ilaria Lupi (consulente legale), Giulia Mannella (psicologa), Nicoletta Guido (biologa nutrizionista), Federico Lorelli (odontoiatra) ed Ernesto Pastore (marketing e pubbliche relazioni).

CITTADINANZA ATTIVA

Il senso di appartenenza ad una comunità

Ci sono dei momenti che non si dimenticano che fanno parte della storia personale di chi lavora con passione e spirito di sacrificio allo scopo di rendere migliore la città in cui vive e lavora. Per gli organizzatori della Grotta dei Desideri questo modo di agire è diventato un “must”. Quello vissuto domenica 3 aprile 2016 è uno di quei momenti. La riapertura della Villa Comunale e l’apposizione della nuova toponomastica che identifica questo luogo baciato dalla storia e dalla leggenda è la prova tangibile del bene che si può realizzare se si agisce con il sorriso. La nuova tabella è stata realizzata dal punto di vista grafico da Laura Viola, studentessa dell’Accademia delle Belle Arti di Catanzaro, ed è stata donata alla città dagli organizzatori della Grotta dei Desideri, grazie anche alla collaborazione di Cristian Ranieri, titolare dell’azienda Kreo Soluzioni Grafiche. A distanza di un anno, e precisamente il 14 maggio 2017, la Grotta dei Desideri ha rivolto la propria attenzione alle mamme, patrocinando la passeggiata solidale “Mamme per le mamme” che ha consentito di raccogliere fondi devoluti alla Fondazione “Roberta Lanzino” per aiutare persone in difficoltà fisica e psichica. La Grotta dei Desideri persegue il concetto di responsabilità sociale, riservando una quota del proprio bilancio ad iniziative che hanno ricadute per il territorio.

PROGETTO STAGE

Fare esperienza attraverso uno stage formativo

Un lavoro lungo e complesso, ma portato avanti con il sorriso. L’organizzazione della Grotta dei Desideri basa la propria efficacia grazie anche alla presenza degli stagisti universitari che partecipano alla kermesse. Le porte sono sempre aperte per i giovani e i valenti studenti desiderosi di traslare le nozioni apprese durante i corsi nella pratica quotidiana. Per presentare richiesta di stage è sufficiente aver compiuto il 50% degli esami previsti nel proprio piano di studio e di essere iscritti a corsi universitari in ramo economico, umanistico, linguistico e gestionale. Possono presentare richiesta anche coloro che frequentano percorsi specifici in ambito moda. Gli studenti selezionati sono affiancati dai vari responsabili di settore che da anni condividono il processo organizzativo dell’evento. Per presentare domanda di stage è sufficiente inviare una mail all’indirizzo grottadeidesideri@gmail.com.

SOCIAL PROJECT

GDD is proactive

Nel corso di questi anni la Grotta dei Desideri ha rivolto particolare attenzione alle istanze del territorio, nella convinzione che un evento di ampio respiro debba fungere da cassa di risonanza per le esigenze della comunità in cui esso si svolge. Sulla base di questo presupposto sono stati siglati dei protocolli di collaborazione con l’Avis comunale di Lago (Cs) per sensibilizzare l’opinione pubblica sulla necessità di diventare donatore di sangue. Ancora oggi l’Italia non riesce a soddisfare il proprio fabbisogno interno, ma questa problema viene avvertito soltanto quando ci si trova di fronte all’emergenza. La sezione di Lago rappresenta un punto d’eccellenza nel panorama Avis, con un rapporto abitanti/donatori tra i più alti a livello nazionale. Ma non è tutto. La Grotta dei Desideri, da tempo, ha coinvolto gli ospiti del Centro diurno diversamente abili di San Pietro in Amantea (Cs) per il confezionamento dei premi che di anno in anno vengono consegnati ai personaggi più noti del jet-set nazionale ed internazionale. Questo Centro è stato aperto nel 2002 ed in pochi anni è divenuta una struttura di eccellenza nel panorama socio-assistenziale regionale. Nel marzo del 2012, a causa di un mero errore burocratico, le attività di questo importante presidio sono state sospese dai vertici dell’Azienda sanitaria provinciale di Cosenza, provocando lo sconforto di tanti giovani che da quel giorno chiedono a gran voce di tornare nella propria “casa”. La Grotta dei Desideri intende tenere i riflettori accesi su questa vicenda, nella speranza che possa giungere qualche buona notizia. Nel corso delle precedenti edizioni, inoltre, la Grotta dei Desideri ha ospitato in anteprima assoluta le creazioni che Nino Masso, modellista della maison Fendi, ha dedicato all’Associazione italiana per la ricerca sulcancro. Il fascino dell’abito comunica così la necessità di sottoporsi a controlli periodici, nella certezza che la migliore cura è la prevenzione.

Dallo shooting al calendario

La Grotta dei Desideri ha avuto sempre il coraggio di guardare avanti, di innovare e di creare abbinamenti originali e ricercati. Per fare ciò è giusto esplorare modelli gestionali sempre nuovi, finalizzati chiaramente allo sviluppo delle singole capacità. La realizzazione di uno shooting fotografico va esattamente in questa direzione. L’obiettivo è promuovere il talento, veicolando allo stesso tempo un’immagine della Calabria nuova ed accattivante. Del resto ogni fase del processo produttivo viene svolta ed eseguita all’interno del territorio regionale.

La realizzazione dello shooting fotografico e del calendario vive dell’armonia che intercorre tra la cura dei set, il fascino delle modelle e l’espressionismo dell’arte sartoriale, con gli abiti che vengono selezionati direttamente dalla direzione artistica del progetto. Per valorizzare ulteriormente la veicolazione mediatica del calendario viene realizzato un filmato dedicato a ciò che avviene dietro le quinte durante le fasi di realizzazione: una sorta di diario di viaggio dove si condensano anche le emozioni. La presentazione del calendario avviene attraverso due conferenze stampa: in Calabria e a Milano, in quella che viene riconosciuta universalmente la capitale italiana della moda.

La realizzazione dello shooting e del calendario, replicando la crescita di attenzione suscitata dalla stessa Grotta dei Desideri, ha attirato l’interesse degli addetti ai lavori e del grande pubblico. Sono in costante aumento le aziende che decidono di sponsorizzare quello che un tempo veniva indicato con l’appellativo di “lunario”, ma soprattutto sono sempre di più i fotografi e le modelle che si propongono per firmare le pagine dei vari mesi ed immortalare in un istante la bellezza femminile.

 

 

 

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...